Undicesima ora del giorno

UNDICESIMA ORA DEL GIORNO

Biglietto numero 23

G.V.

Le volte che mi sei mancato… oh, non per la lontananza, ma proprio per la diversità del sentire, le volte che mi sei mancato sono esattamente questi minuti di attesa e di angoscia e di terribile lucidità aspettando un treno a santa Maria Novella alle due e trentacinque del mattino. Ma le volte che mi sei mancato, oh, non per la lontananza, ma per questa diversità dello sguardo sono i miei occhi che tesi non vedono quasi più.

(Pier Vittorio Tondelli, Biglietti per gli amici, a cura di Fulvio Panzeri, Bompiani, 2001)

Ma tutto questo è ancora letteratura, dice, contro cui bisogna combattere, perchè la letteratura, dice, è illusione e non realtà. Allora, chiede, perchè ne sono tutti così innamorati,  fino alla fine dei giorni ? Oppure, dice, mi lascio un’altra possibilità: che quella che alcuni chiamano illusione, sia in realtà quello che altri chiamano desiderio, confondendosi gli uni con gli altri. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...