Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for ottobre 2014

Boyhood segna un capitolo nuovo nella storia del cinema: per quello che ha fatto e per quello che ci fa provare. Ci procura un sentimento tutto particolare, qualcosa che ci turba ed è diverso dal pathos o dall’emozione lacrimevole fine a se stessa: Boyhood ha una sorta di effetto catartico. Perché? Essenzialmente per due ragioni. Perché ci fa rivivere, come non era mai accaduto, qualcosa che è capitato e può capitare a tutti in ogni istante, vale a dire l’esperienza dello scorrere del tempo; e poi perché questa esperienza, calata nella circostanza specifica dell’infanzia e dell’adolescenza, è raccontata come una situazione che ci riguarda non soltanto in quanto individui ma, soprattutto, in quanto esseri appartenenti a una storia dove non eravamo soli. Che sia andata bene, oppure no, è andata così: c’erano anche gli altri, ed è assieme a loro che abbiamo suonato la musica degli anni della nostra crescita, molto di più di quanto i nostri racconti egocentrici potrebbero farci credere: non eravamo soli.

QUI

Read Full Post »

libri

Uno dei malintesi che dominano la nozione di biblioteca è che si vada in biblioteca per cercare un libro di cui si conosce il titolo. In verità accade sovente di andare in biblioteca perché si vuole un libro di cui si conosce il titolo, ma la principale funzione della biblioteca, almeno la funzione della biblioteca di casa mia e di qualsiasi amico che possiamo andare a visitare, è di scoprire dei libri di cui non si sospettava l’esistenza, e che tuttavia si scoprono essere di estrema importanza per noi.

Umberto Eco, De Bibliotheca

Read Full Post »

(dalla Biblioteca Laurenziana)

Read Full Post »