una sterminata domenica

 

ghirri

L’Italia, una sterminata domenica

 

le motorette portano l’estate

 

il malumore della festa finita

 

sfrecciò invano, ora è poco,

 

l’ultimo pallone

 

e si perde

 

ma già sfavilla la ruota vittoriosa

 

e dopo, che fare della domeniche?

 

aizzare il cane, provocare il matto

 

non lo amo il mio tempo, non lo amo

 

l’Italia dormirà con me

 

in un giardino d’Emilia o Lombardia

 

sempre c’è uno come me

 

in sospetti e pensieri di colpa

 

tra il canto di un usignolo

 

e una spalliera di rose

(Vittorio Sereni)

 

Annunci