del come alle volte si vorrebbe essere diversi da quello che si è

81. Paul Celan a Ingeborg Bachmann, Parigi, 7.1.1958

Una mano

La tavola, fatta di legno d’ore, con

il piatto di riso e con il vino.

si

mangia, si tace, si beve.

Una mano, che io baciai,

fa, alle bocche, luce.

Ingeborg Bachmann, Paul Celan, Troviamo le parole, Lettere 1948-1973, Nottetempo,2010

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...