lo zuccherino

Mi dico occorrerebbe che sviluppassi di più- o che svilupassi e basta? chi mi può certificare che già la possiedo, se non io stessa che sono, è banale dirlo, un’osservatrice del tutto inattendibile?– la capacità di osservare senza distogliere subito lo sguardo da quello che sto vedendo, subito distratta da altro.
In realtà non so se ho mai posseduto questa capacità e non so quanto abbiano invece contribuito alla creazione di questa mia (falsa?) immagine di persona riflessiva i giudizi degli altri.
Se guardo indietro, non riesco a vedere molto di me, non riesco a vedere la mia infanzia, ad esempio, se non piccoli episodi isolati. L’immagine è frammentata e quello che mi manca soprattutto è individuare il periodo in cui ho cominciato a percepirmi come persona, in cui ho cominciato a conoscermi, ad aver chiaro- per quanto sia possibile quello che avrei voluto fare ed essere.

Come se  l’idea e le immagini che ho di me stessa e i comportamenti che ne sono derivati nel tempo fossero stati costruiti da me stessa come risposta a quello che mi si mostrava avrei dovuto essere.
Ho agito, mi pare, allora, in una sorta di pavlovismo: l’animale che alza la zampa per ottenere lo zuccherino.

La capacità di osservare è mancata quindi  in partenza soprattutto verso l’interno.

Nei sogni spesso ricorrevano immagini di spettacolo: grande tende pesanti da alzare, interni circolari, schermi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...